Ciao

Il Blog del Giardino di Arianna ha cambiato casa!

Lo trovate all'indirizzo www.giardinodiarianna.com/blog

I post contenuti in questo spazio verranno progressivamente migrati nel nuovo sito.

Se il post che cercate è già stato migrato sarete reindirizzati in pochi secondi.

giovedì 26 luglio 2012

Limonene, copertoni e corretta informazione!




Vi scriviamo un breve post per fare chiarezza sulla questione Limonene/copertoni che da qualche giorno sta girando su Facebook creando allarmismo tra i più attenti consumatori, abituati a leggersi le etichette e a controllare gli ingredienti.

Lo spunto ci arriva dalla pagina facebook Osa Sapere gli ingredienti che pubblica un'immagine in cui afferma che il limonenen, presente in moltissimi prodotti e cosmetici sarebbe ottenuta dalla lavorazione dei copertoni usati:

Abbiamo letto la fonte riportata da questa pagina Facebook (http://www.uppi-bologna.it/images/00pdf/casasicura.pdf pagina 37) e abbiamo voluto fare qualche ricerchina in più!

Cos'è il Limonene:

Il Limonene è un sostanza chimica prevalentemente di origine naturale definita monoterpene ciclico;
è un liquido incolore, insolubile in acqua, ma solubile negli oli e nell’alcool, dal caratteristico odore di arancia o limone o trementina. In natura è contenuto, nella sua forma chirale destrogira, nelle scorze del limone o di altri agrumi, per cui è presente negli oli essenziali ottenuti dal limone o dall’arancia, ma è naturalmente presente anche in altri oli essenziali come quello di lavanda.
Il Limonene è potenzialmente sensibilizzante e per questo la legge italiana obbliga i produttori ad esplicitarne la presenza nell'inci e di norma viene riportato in fondo in quanto presente in tracce, ma non è obbligatorio indicare se si tratta di fragranza ottenuta da oli essenziali o di sintesi.

e i copertoni?

Innanzitutto la simpatica Melania di A tutto Bio riporta sulla sua pagina le risposte di due "autorità" dell'interpretazione dell'inci:
Lola dell'Angolo di lola dice:
Comunque, incuriosita da questa tua domanda ho fatto una ricerca con le parole chiave "limonene copertoni", e ho scoperto che in ogni posto dove sostengono questa sua derivazione usano guarda caso le stesse parole: "Si grattugia il copertone, lo si distilla ben bene e si ottiene un idrocarburo terpenico, il limonene, che aggiunto a un comune detersivo lo fa diventare ‘al limone’. In Italia si importano annualmente, secondo l’Istat, dalle 13 alle 16 milioni di tonnellate di copertoni usati: circa il 4-6% di questi copertoni provengono da aree endemiche della zanzara tigre, principalmente il sud degli Stati Uniti ma anche Giappone e Taiwan"

In pratica secondo questo articolo, non si importerebbero copertoni per riciclarli come copertone come è logico, ma ci si imbarcherebbe in un'avventurosa e costosa distillazione di tanto materiale per ottenere una sostanza che si trova a minor prezzo da fonte naturaleo per produzione sintetica... non ha senso. 

In pratica secondo questo articolo, non si importerebbero copertoni per riciclarli come copertone come è logico, ma ci si imbarcherebbe in un'avventurosa e costosa distillazione di tanto materiale per ottenere una sostanza che si trova a minor prezzo da fonte naturaleo per produzione sintetica... non ha senso. 


Mentre Fabrizio Zago, autore del Biodizionario dice:
Nel frattempo voglio solo dirti di stare attento a internet perché si trovano, oltre che a cose molto serie, anche delle solenni bufale come: "il LIMONENE viene ottenuto anche grattuggiando i copertoni delle auto".Non è vero per due motivi:1) ma le gomme della tua auto hanno l'odore del lavapiatti?2) costerebbe molto di più "estrarre" il limonene in questo modo che produrlo sinteticamente o estrarlo dalle bucce degli agrumi."
Abbiamo voluto cercare qualcosa anche noi e abbiamo trovato un articolo della rivista "Vernicatore Professionista", quindi non proprio una rivista di ecologisti e patiti per la cosmesi ed il naturale, che cerca di dare ai suoi lettori una chiara visione su cosa sia il limonene e come venga prodotto, e anche qui viene riportato un articolo del sito www.enel.it (noi però non siamo riusciti a trovarlo ma l'articolo che vi riportiamo è del 2004 e nel frattempo enel e il suo sito sono cambiati parecchio) che asserisci che il procedimento di estrazione del limonene dai copertoni sia FATTIBILE ma ECONOMICAMENTE NON VANTAGGIOSO, e che quindi di fatto non viene utilizzato.

D'altro canto tutta la questione nasce da una serie di articoli apparsi su internet riguardo alla provenienza delle fastidiosissime Zanzare Tigre che sono arrivate in Italia importate assieme ai copertoni usati provenienti dal sud del mondo.
In molti si sono chiesti "Ma cosa ce ne facciamo noi dei copertoni usati?"
Noi abbiamo cercato la statistica dell'ISTAT che dice che importiamo dai 13 a 16 milioni di tonnellate di pneumatici, ma non l'abbiamo trovata!
Abbiamo trovato però una serie di articoli sui problemi legati allo smaltimento dei pneaumatici usati in Italia, molti dei quali gettati in discariche abusive, quindi ci siamo chiesti?
Ma se già non siamo in grado di gestire gli pneumatici che produciamo NOI, perchè dovremmo importarne di altri?
Ma se siamo il paese dei limoni, ed esistono sistemi sintetici semplici ed economici per produrre il limonene, perchè dovremmo importare copertoni dall'estero, spendere soldi per il trasporto, la dogana, il trattamento e il deposito di questi copertoni, e la loro successiva lavorazione e smaltimento delle scorie?

Il limonene presente nei nostri cosmetici, ed ingenerale nei cosmetici eco-biologici è di origine naturale, e deriva dagli oli essenziali utilizzati nella composizione!
Non è un ingrediente da demonizzare ma, in quanto potenziale allergene, da considerare con cautela!

Speriamo di esservi stati utili. 
Se avete precisazioni o ulteriori dettagli da darci ve ne saremo grati!